Yattaman: aneddoti per una conversazione sui Time Bokan giapponesi

  • Yattaman compie 40 anni – È uscito in Giappone nel 1977, ma è arrivato su Rete 4 in Italia per la prima volta solo sei anni dopo. Era il 1983.
  • Yattaman fa parte della serie di anime della Tatsunoko detta Time Bokan e dichiaratamente demenziale, che nasce per fare da contraltare agli anime seriosi del tempo. Qui gli eroi sono giovani e scanzonati, mentre i cattivi – goffi e sfortunati – sono i veri protagonisti.
  • Questi protagonisti cattivi erano sempre guidati da una figura femminile, che terminava la puntata spesso in topless per le bruciature causate dell’esplosione del proprio robot. Inutile dire come questo rappresentasse una delle attrazioni principali del cartone animato per noi bambini di allora.

    1-Miss-Dronio-Yattaman-tutte-serie-Time-Bokan

    Le cattive della time Bokan: miss Dronio – di Yattaman – e’ l’ultima a destra

  • Nel 1993 è uscito in Giappone un AOV dove tutti i cattivi di queste serie di anime si affrontano in una gara automobilistica stile Wacky race. Vince proprio il trio Drombo di Yattaman.
  • Il sito del fan club italiano della serie, nonostante l’aspetto datato, è tuttora aggiornato con una miriade di informazioni.
  • Esiste un remake del 2006 per Yattaman e un live action movie – per quanto surreale possa sembrare – diretto dal rispettabile Takeshi Miike, che è anche uno dei registi più amati da Tarantino. Eccolo in vendita qui.

    Dato che non è assolutamente un brutto film, ne cosigliamo la visione. La recensione, poi, la potete leggere qui.
    1280px-Trioyatta
  • I mezzi pilotati dagli Yattaman sono 9, ma il piu’ famoso era certamente YattaCan:
    33-yattaman-2008
  • E come dimenticare la mascotte del trio Drombo?
  • Videogiochi ne abbiamo? Certamente. Ecco uno screenshot tratto da Yattaman: time bokan per playstation.
    307417_front
  • In alcune puntate, i robot del trio Drombo sono ispirati ai disegni dei fan.
  • Lo sapete che Wario della Nintendo è ispirato a Tonzula del Trio Drombo?
  • Ovviamente, la sigla dei Cavalieri del Re ce la ricordiamo tutti:
  • Di gadget legati al franchise ne girano ancora parecchi. Magari volete portarvi a casa lo Yattacane.
  • Infine, alcuni gadget sono disponibili anche sullo store del corriere dello Sport. Non ci e’ dato sapere cosa ci azzecchi, ma se il loro marketing pensa sia la cosa giusta da fare, affari loro.

He-Man: aneddoti per una conversazione sui Dominatori dell’Universo

  • He-Man e’ un giocattolo nato nel 1981 dalla fantasia di Roger Sweet, artista della Mattel. Nell’idea originale era bruno, con la pelle ambrata.
  • Il nome significa grossomodo “macho”.
  • L’eroe nasce come campione di una tribu’ di nomadi cacciatori, ed e’ chiaramente ispirato al personaggio di Conan il Barbaro.
  • I giocattoli sono accompagnati da alcune serie di minicomics promozionali, dove He-Man – oltre alla spada del potere – usa scudo ed ascia.
    he man giocattolo
  • Anche la DC Comics decide di pubblicare un fumetto dedicato alla serie, e modifica pesantemente la storia: e’ questa la versione di He-Man in cui viene introdotta la sua duplice identita’, che lo porta ad essere al tempo stesso il pigro principe Adam e il forzuto campione di Eternia.
    fumetto master
  • Nel 1983 la Mattel decide di farne  una serie animata. Questa scelta sara’ la consacrazione di He-Man e degli altri personaggi di Eternia nei cuori dei bambini di tutto il mondo.
    https://www.youtube.com/embed/nKQxpDg9mag
  • La serie a cartoni animati, prodotta dalla Filmation, e’ composta da due stagioni di 65 puntate ciascuna, autoconclusive e finalizzate a raccontare un insegnamento morale.
  • La storia della Filmation nel campo dell’animazione e’ lunga e in qualche modo gloriosa. Per risparmiare, l’azienda era solita fare uso del rotoscopio e riutilizzare le stesse pose e disegni più volte. Questo rendeva anche lo stile della casa perfettamente riconoscibile.
  • La Filmation – che ricordiamo ad esempio anche per Albertone, The Original Gosthbuster (quella con Malefix, per intenderci) e BraveStarr – e’ stata chiusa poi nel 1989, un anno dopo lo sciagurato acquisto da parte di L’Oreal. Del perche’ un’azienda di cosmesi abbia deciso di acquistare una casa d’animazione per farla fallire in pochi mesi potremmo parlarne anni.
  • Nel 1990 venne lanciata una nuova serie prodotta dalla Dic Enterprise, per il lancio di una nuova serie di giocattoli Mattel, che a differenza dell’originale non ebbe il succeso sperato. La si ricorda piu’ che altro per Skeletor con gli occhi.

    skeletor con occhi

    Orrendo

  • Un terzo tentativo nel 2002, ebbe un successo addirittura minore. He-Man aveva chiaramente fatto il suo tempo.
  • Come forse ricorderete esiste anche lo spinoff femminile, She-ra: questo cartone e’ basato sulle vicende di Adora, gemella di Adam. I due spesso si incontrano.
    https://www.youtube.com/embed/K0cMQ0Foakc
  • Tutti ricordiamo – purtroppo – anche il pessimo film della Cannon del 1987 con Dolph Lundgren nei panni di He-Man, e Frank Langella come Skeletor.

    i dominatoi dell'universo locandina

    Dolph Lundgren Glam rock

  • Il film fu prodotto dalla Cannon – quelli dei Delta Force con Chuck Norris. per capirci. Dati gli incassi poco convincenti, e i problemi finanziari della Cannon, i produttori furono costretti a restituire i diritti di immagine alla Mattel. Essendo il seguito gia’ in lavorazione, i costumi vennero riciclati per una nuova sceneggiatura scritta in pochi giorni dal titolo Cyborg, tradotta in una pellicola con Jean Claude Van Damme.

    logo cannon

    basso budget, alto testosterone

  • Si e’ vociferato per anni di un altro film con John Woo alla regia, ma nessuno sembra sia stato in grado di presentare una versione dignitosa della sceneggiatura.
  • He-Man e’ l’uomo piu’ forte dell’universo e lo dimostra ripetutamente. infatti….
  • Esiste un fumetto DC Comics dove He-Man si scontra con Superman: lo scontro finisce alla pari.
  • In una puntata della serie classica, He-Man incontra il diavolo stesso, che ammette di essere piu’ debole di lui.
  • Nella serie del 2002 colpisce cosi’ forte con la spada da dividere in due il pianeta: si noti come He-Man usi la spada per tutto meno che per colpire qualcuno
    nuovo he-man
  • La storia di come sono nati i dominatori dell’universo e’ stata raccolta in anche in un libro inedito in Italia
  • Avete ancora dei masters a casa? Se sono ancora nella confezione, potete farci anche 300 EUR. Ma quelli che avrete in cantina saranno probabilmente tutti usurati come lo sono i miei. Quelli non valgono niente.
  • Bonus: pubblicita’!

Voltron: aneddoti per una conversazione sui robot americani

  • Il titolo originale della serie era (Voltron: Defender of the Universe)
  • La produzione e’ teoricamente americana (World Events production), e infatti ce la ricordiamo tale. Quello che non sapevamo era che fosse semplicemente di un rimontaggio di un cartone giapponese uscito l’anno prima, Golion. Io da bambino ho visto entrambi e non me ne sono mai accorto.
  • La WEP ha anche prodotto il cartone animato Denver, ma a vedere il sito potrebbero anche essere falliti nel frattempo.
  • In Italia e’ stata trasmessa solo la prima serie di 52 puntate. Negli USA e’ stata trasmessa una seconda e una terza serie, con lo stesso sistema del rimontaggio di una differente cartone giapponese. Per questo nella seconda stagione cambia anche il robot. Ecco la sua versione giapponese, con le utilitarie sui piedi
    dairugger
  • Ma perche’ tutto questo? Sappiamo che gli USA guardano con sospetto le produzioni estere, e preferiscono rifarle a modo loro. Le differenze piu’ significative, nel caso di Voltron, sono la colonna sonora e – rullo di tamburi – la morte di un personaggio.
    morte sven voltron
    Nella serie originale (Golion), il pilota del leone blu (Sven) muore alla sesta puntata. Negli USA, questi viene semplicemente gravemente ferito, per ritornare nelle ultime puntate. In Giappone, si tratta del fratello.
    Pare proprio che gli yankee fossero turbati all’idea di mostrare la morte in un cartone animato per bambini.
    Ecco la puntata incriminata:

  • VOLTRON – 06 – La Morte del Leone Azzurro by Supergoku267
  • Esiste un seguito in computer grafica del 1998, e un videogioco per PS3 e XBOX360
    voltron gioco
  • Sulla scia del successo cinematografico di Transformers, si e’ parlato molto di un lungometraggio al cinema. Il progetto e’ stato poi cancellato nel 2010, ma viene dato ancora in produzione su IMDB. Non ci resta che sperare, anche se il fatto che uno dei produttori sia Pharrell Williams non ci lascia ottimisti sul risultato finale.
  • Notevoli gli artwork realizzati per promuovere il progetto:
    voltron film
  • A quanto pare il brand va ancora forte: esiste un sito ufficiale che vende merchandise vario, tra cui le maglie da Hockey e tanti altri gadget, alcuni di dubbio gusto.

Supercar Gattiger: aneddotti per una conversazione sul cartone animato giapponese

  • Cho Supercar Gattiger (titolo originale) e’ uscito in italia nel 1981.
  • Il nome “Gattiger” (erroneamente pronunciato “gàttigher” nella vecchia sigla degli anni Ottanta) nasce dall’unione della parola giapponese gattai (unione) con la parola inglese tiger (tigre). La pronuncia corretta sarebbe pertanto “gattàigher” (ci dice Wikipedia).
  • Nei nostri ricordi da bambino sembravano molti di piu’, ma in realta’ gli episodi della serie erano solamente 22
  • In realta’ gli episodi trasmessi in italia erano 25 ma solo perche’ l’emittente che acquistò la serie negli anni 80 pensò di ricavare alcuni episodi montando alcuni spezzoni di altri già trasmessi. Incredibile. Negli anni 80 si poteva tutto.
  • Il regista e’ Motosuke Takahashi, autore di molte delle opere che ricordiamo da bambini: dall’Ape Maya a Lamu’
  • Sigla
    https://www.youtube.com/watch?v=PMmeIcK1WnM
  • Il gattiger era solo uno dei tanti cartoni a sfondo automobilistico dell’epoca. Ricordiamo anche “Ken Falco” e “Gran Prix e il campionissimo“.
  • Un’altra conferma che gli anni 80 fossero un far west: La sigla iniziale e’ ampiamente rubata (ma proprio senza vergogna) da una musica di Ennio morricone. Si tratta del brano Dance On prodotto per il film “Come sei”. Eccolo:
    https://www.youtube.com/watch?v=V2UZ2qD_8do
  • La trama si regge tutta su battaglie tra demoni e umani per rubare i segreti del motore ad energia solare della superauto, in un mondo condizionato dall’esaurimento dei combustibili fossili. L’ambientazione del cartone animato e’ piuttosto irrealisticamente il 1977 (se non altro per la tecnologia utilizzata), ma il tema trattato e’ sociologicamente molto sensato: quelli erano gli anni della crisi energetica.
  • I gran premi si correvano nelle americhe, al Polo Nord…e in Spagna
  • Forse non tutti sanno che Jo Tabuki, il personaggio principale, e’ doppiato da Massimo Lopez, mentre il bambino del gruppo e la regina dei Demoni sono interpretati da Anna Marchesini. Tullio Solenghi e’ l’unico a mancare del famoso trio.
  • Al di la’ dell insegnamento naturalistico, la condanna di ogni individualismo riempie ogni angolo della serie. Chi fa da solo perde o muore.

    personaggi supercar gattiger

    Ricordate che l’unione fa sempre la forza.